Perché il caffè ci tiene svegli?

Ci sono tanti motivi per i quali prendersi una tazza di caffè alla sera può essere una cattiva idea, soprattutto se hai intenzione di dormire. Ce li spiega tutti una ricerca promossa dal laboratorio di biologia molecolare del Medical Research Council di Cambridge*.

Esponendo alla caffeina alcune cellule coltivate in laboratorio, i ricercatori britannici hanno scoperto che essa è in grado di alterarne l’orologio interno del nostro organismo.

Per esempio, prendere un espresso doppio tre ore prima di andare a letto ritarda la produzione dell’ormone legato al sonno, la melatonina, di circa 40 minuti.

Due, tre tazzine prima del riposo hanno lo stesso effetto del jet-lag, tanto da ingannare il cervello, che crede di essere un’ora indietro rispetto al tempo reale.

Chiaramente non tutti siamo ugualmente sensibili rispetto a questi effetti della caffeina. Tuttavia, come per ogni altra cosa, è sempre meglio evitare gli eccessi.

Di certo il caffè ha il potere di mandare in tilt il nostro orologio interno e la mancanza di sonno può influenzare negativamente la nostra salute.

Ma basta un po’ di buon senso e tutti potremo dormire sonni tranquilli.

* “Effects of caffeine on the human circadian clock in vivo and in vitro” di Tina M. Burke, Rachel R. Markwald, Andrew W. McHill, Evan D. Chinoy, Jesse A. Snider, Sara C. Bessman, Christopher M. Jung, John S. O’Neill and Kenneth P. Wright Jr, 2015, Science Translational Medicine