La colazione: è davvero il pasto più importante della giornata?

Ce lo sentiamo ripetere spesso. Ormai è diventato uno dei luoghi comuni alimentari più diffusi al mondo. Che la colazione sia o meno il pasto più importante della giornata, tuttavia, non è ancora stato provato scientificamente nonostante decenni di ricerche e indagini.
L’origine del tormentone deriva con tutta probabilità dal fatto che quando ci si sveglia di solito è passato molto tempo dall’ultima volta che si è mangiato e quindi si è praticamente a digiuno e molto affamati. Anche se non tutti sentono il bisogno di rimpinzarsi appena svegli.
In ogni caso, se da un alto non ci sono chiare prove scientifiche per dire se una delle due condotte sia più salutare dell’altra, esistono molti studi in base ai quali le persone che fanno colazione tendono ad avere meno problemi di sovrappeso.
Quindi mangiare appena svegli aiuta a dimagrire? Secondo una ricerca* condotta su 52 donne obese impegnate in un programma di dimagrimento, in media le partecipanti che facevano colazione avevano perso il 28% di peso in più rispetto alle altre.
Tuttavia un altro studio successivo**, condotto con metodi simili, ha fatto emergere risultati differenti. Alla fine di sei mesi di test effettuati su due gruppi di persone con problemi di peso, i ricercatori non hanno trovato differenze significative tra chi faceva colazione e chi no.
Quel che è certo è che chi fa colazione tende ad avere abitudini più regolari e una maggiore autodisciplina, dato che è comunque un impegno da mantenere ogni giorno, anche se per molti piacevole.
Il consiglio è quindi comunque di fare sempre una sana colazione per iniziare al meglio la giornata, magari proprio con i cereali Saper Scegliere Consilia.

*”The role of breakfast in the treatment of obesity: a randomized clinical trial”, Schlundt, Hill, Sbrocco, Pope-Cordle, Sharp, American Journal of Clinical Nutrition, 1992
** “The causal role of breakfast in energy balance and health: a randomized controlled trial in obese adults”, Chowdhury, Richardson, Holman, Tsintzas, Thompson, Betts, American Journal of Clinical Nutrition, 2016

Tags: