Il momento migliore per fare attività fisica

In un articolo del New York Times viene addirittura indicata l’ora migliore, fra le 16 e le 19. Ma ognuno di noi fa sport o ginnastica tenendo conto delle proprie caratteristiche e delle proprie sensazioni. Bisogna imparare ad ascoltare il nostro corpo in alcune ore della giornata e capire come ha risposto agli sforzi. Alcune persone carburano solo nel pomeriggio mentre altre sono al top nelle prime ore della mattina.
Una risposta scientifica la fornisce la cronobiologia, la scienza medica che studia i bioritmi del nostro organismo nelle diverse ore del giorno e della notte. Il corpo umano è come un orologio composto di ingranaggi, regolati al loro interno da fattori naturali e da elementi culturali e sociali. Il ritmo luce-buio, per esempio, è il sincronizzatore dei ritmi circadiani, quei cicli biologici che, agendo sul sistema nervoso, controllano le fasi di attività e riposo di numerose funzioni organiche. I ritmi circadiani sono regolati da una sorta di orologio biologico, localizzato nell’ipotalamo. Il massimo livello delle capacità cognitive e di lavoro intellettuale si registra al mattino. La forza fisica è più presente nel pomeriggio, quando si notano i valori massimali di consumo di ossigeno, di ventilazione polmonare e di portata cardiaca. In questa fase della giornata è più elevata la resistenza di un atleta a un lavoro costante ad alta intensità.
Per scegliere l’ora più adatta all’allenamento, la prima distinzione che devi fare è valutare se sei mattiniero o no. Inutile che ti ostini a fare jogging appena alzato se non riesci nemmeno a tenere gli occhi aperti. Costringeresti il fisico a essere attivo quando temperatura, metabolismo e pressione non sono ancora preparati. Stesso discorso per la sera, se dopo una giornata di lavoro l’unica cosa che desideri è rilassarti, è controproducente accanirsi su macchine per sollevare pesi e panche fino alle 23 della sera. Anche l’intensità dell’allenamento è molto importante: in palestra puoi andare due o tre volte la settimana e in qualsiasi ora della giornata, scegliendo l’ora più comoda. Se invece pratichi sport con intensità, in previsione di una gara dove è necessario sfruttare tutta la potenzialità muscolare, l’orario migliore è dalle 18 alle 20 o alle 21, momento in cui il rendimento fisico è al massimo. Ma non oltre, per non alterare i ritmi dei pasti e del sonno.

Tags: