Expo, un mondo di gusti

Ormai è quasi pronto. Manca poco all’inizio dell’EXPO, l’evento mondiale che per sei mesi farà di Milano la capitale dell’alimentazione.

Cominciamo a preparare idealmente l’immensa tavola dell’esposizione universale, scoprendo insieme alcuni esempi dei piatti provenienti dai Paesi partecipanti.

Il nostro giro del mondo tra i sapori può iniziare dagli antipasti e in particolare da una ricetta degli Stati Uniti: il “Cocktail di gamberi leggermente speziati” sembra risalire al ventesimo secolo, quando i buongustai del nuovo mondo apprezzavano particolarmente i crostacei sgusciati e cotti serviti con salsa piccante.

Per la prima portata, spostiamoci in India e proviamo la “Vellutata di zucca al curry di Madras”. Sana, semplice, delicata e molto invitante. Una delizia cremosa per il palato e anche per gli occhi.

A questo punto voliamo dall’altra parte del mondo fino in Sudamerica, dove ci attende, come portata principale, la “Muquequa di pesce”. Un piatto tipico della cucina brasiliana a base di pesce d’acqua salata, stufato nel latte di cocco.

Dulcis in fundo, per il dessert torniamo in Europa e gustiamoci la golosa Dobos torta, la torta ungherese di cioccolato. Creata nel 1885 dall’omonimo pasticcere per l’imperatore Francesco Giuseppe e l’imperatrice Elisabetta d’Austria, aveva sei strati, di cui l’ultimo ricoperto di caramello.

Il giro del mondo in 145 tradizioni culinarie, tanti sono i Paesi partecipanti all’Expo, è appena iniziato.

Tags: