Cibo per la mente

Avete mai sentito l’espressione “parla come mangi”? Da oggi potremmo dire anche “ragiona come mangi”. Sì, perché determinati alimenti*, se non possono renderci più intelligenti, almeno possono migliorare la nostra memoria, le capacità cognitive e, in generale, la salute del nostro cervello.

I fagioli*, per esempio, contengono grandi quantità di tiamina, una Vitamina B che può favorire una corretta attività delle nostre cellule cerebrali.

Il salmone**, le trote e le sardine, per il loro olio ricco di Omega 3, impediscono il declino delle funzioni motorie e cognitive. Consumare pesce in generale, poi, ci aiuta ad assumere grassi sani, che sono importanti per la produzione di acetilcolina, essenziale per l’integrità e funzionalità neuronale.

Anche i pomodori* fanno bene alle nostre attività cognitive. Contengono infatti il licopene, un potente antiossidante che neutralizza i radicali liberi, molecole che colpiscono le cellule nervose.

Lo zenzero*, poi, è un ottimo antinfiammatorio naturale, che aiuta a prevenire la formazione di malattie degenerative come il morbo di Alzheimer o di Parkinson.

Anche il rosmarino* combatte gli effetti negativi dell’invecchiamento e ci protegge da ictus cerebrali e dalla degenerazione dei neuroni.

I frutti di bosco** proteggono contro la perdita di cellule cerebrali. Il tuorlo d’uovo migliora la memoria, l’apprendimento e la conoscenza.

Insomma, anche il cibo va scelto con intelligenza.

*18/12/2015 – www.salute-e-benessere.org/nutrizione/10-cibi-che-ti-rendono-piu-intelli…

**18/12/2015 – www.salute-e-benessere.org/nutrizione/cibi-che-migliorano-la-concentrazi…

Tags: