1° maggio: la festa dei lavoratori

La festa del lavoro si celebra come ogni anno il primo maggio, non solo in Italia, ma in molte parti del mondo.

Tradizionalmente la festa del lavoro cade il primo maggio in memoria di un episodio avvenuto a Chicago nel 1886, quando la polizia sparò su alcuni lavoratori che scioperavano da giorni. In quell’occasione oltre ad esserci dei feriti, morirono due persone.

La ricorrenza del primo maggio in realtà è antecedente e risale al 1855, in Australia, dove il motto degli operai era “Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire” e reclamava delle leggi che sancissero il limite di massimo 8 ore lavorative. La giornata nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori: senza barriere geografiche o sociali, per affermare i propri diritti, raggiungere obiettivi e quindi migliorare la propria condizione.

Da quel giorno, la data rimane un momento d’incontro, di festa e di lotta per i lavoratori d’Europa e d’America e, nel 1889, la Seconda internazionale socialista decise di promuovere in tutto il mondo la festa dei lavoratori, il primo maggio.

Anche se, in Italia, la festa dei lavoratori è celebrata il primo maggio dal 1891, durante il ventennio fascista viene proibita e spostata al 21 aprile, giorno del Natale di Roma. La nuova data non ha mordente per i lavoratori, risulta snaturata, invece il primo maggio acquista la forza della ribellione assumendo una connotazione decisamente sovversiva e diventando un’occasione per esprimere opposizione al regime. Con la fine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1945, la ricorrenza viene ripristinata e assume non solo la forza del tema sociale e politico ma anche la semplicità di una festa e di un’occasione di riposo.

Da qualche anno per celebrare la festa dei lavoratori, e avvicinarla al mondo dei giovani, le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil contribuiscono ad allestire il noto concerto del primo maggio, a base di musica rock.

Fonti

https://www.focus.it/cultura/storia/perche-il-1-maggio-e-la-festa-del-lavoro-e-del-lavoratori

http://www.storiaxxisecolo.it/larepubblica/repubblica11.htm

Perché la festa del lavoro è oggi