Festa della Repubblica tra storia e celebrazione

05 Giu 2017

Il 2 giugno si festeggia la Repubblica Italiana, nata nel 1946 quando, dopo una lunga epoca fascista, si chiese con un referendum al popolo italiano di scegliere tra la monarchia e la Repubblica. Questo referendum fu a suffragio universale, e per la prima volta anche le donne esercitarono il loro diritto di cittadine a tutti gli effetti.

Il risultato del referendum fu annunciato il 18 giugno 1946 quando la Corte di Cassazione proclamò ufficialmente la nascita della Repubblica Italiana. 12.718.641 italiani avevano votato a favore della repubblica mentre 10.718.502 a favore della monarchia. Il nord Italia si mostrò particolarmente favorevole alla repubblica mentre il sud più conservatore. Alcuni esempi sono le città di Napoli con 900 mila voti per la monarchia contro 250 mila per la repubblica e Palermo con quasi 600 mila per la monarchia contro 380 mila per la repubblica.

La ricorrenza fu festeggiata per la prima volta nel 1948 ma dal 1977 al 2000 fu celebrata la prima domenica di giugno, per evitare di perdere un giorno lavorativo, fu poi istituita nuovamente il 2 giugno dal governo Amato nel 2000.

Il cerimoniale ufficiale prevede la deposizione da parte del Presidente della Repubblica di una corona di alloro al milite ignoto sull’Altare della Patria a Roma e una sfilata delle forze armate lungo i Fori Imperiali. Oltre all’Esercito Italiano, alla Marina Militare, all’Aeronautica Militare e ai Carabinieri alla parata partecipano anche la Guardia di Finanza, Polizia, i Vigili del Fuoco, la Guardia Forestale, la Croce Rossa Italiana e alcuni corpi della Polizia Municipale di Roma, della Protezione Civile e della Croce Rossa.

 

Fonti: 

http://www.ilpost.it/2016/06/02/festa-della-repubblica-2-giugno/

https://www.wired.it/attualita/politica/2016/06/02/festa-della-repubblica-perche-2-giugno/

http://www.regioni-italiane.com/festa-della-repubblica-0051.htm